PALLADIO DIMENTICATO – VILLA ZENO a Cessalto

Nel 2014 è stata finalmente restaurata la villa più misconosciuta realizzata da Andrea Palladio. Il motivo risiede certamente nella sua posizione particolarmente decentrata rispetto agli itinerari palladiani, che tuttavia non giustifica le condizioni ignobili in cui l’edificio versava. A dire il vero, come si vede dalle fotografie che vi propongo, il restauro si dimostra appena sufficiente a restituire un minimo di dignità ad un monumento che, in quanto opera autografa del divino Palladio, citata anche nei suoi Quattro Libri dell’Architettura, è doverosamente inserita tra i siti protetti dall’Unesco. Solo la parte centrale del progetto originale è stata realizzata, del quale purtroppo l’originaria finestra termale è stata tamponata. Rimane fedele al progetto soltanto la parte posteriore, con loggia a tre arcate coronata dal frontone classico tipicamente palladiano. Una soluzione unica nell’architettura di Palladio, in cui la loggia si colloca di norma nella facciata principale.

Attualmente, non so se sia stata trovata per la villa una destinazione d’uso adeguata. Credo si sia parlato di farne un albergo o un ristorante lussuoso, cosa che spererei si potesse evitare. Certamente, la sua collocazione nella profonda provincia veneta non consente una grande varietà di alternative. Destinarla, come sarebbe auspicabile, ad usi culturali sarebbe forse impraticabile e troppo dispendioso. Per ora, la villa è raggiungibile tramite un itinerario in bicicletta che attraversa la campagna.

 

Ulteriori informazioni su Villa Zeno: http://richardboscharchitect.com/Villas_of_the_Veneto/Villas_of_the_Veneto/Pages/Villa_Zeno_at_Cessalto.html#0

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s